John Ruskin

 

 «Nessuno può spiegare come le note di una melodia di Mozart, o le pieghe di un panneggio di Tiziano, producano i loro effetti essenziali. Se non lo senti, nessuno può fartelo sentire col ragionamento».

Condividi suEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

Partivano falsi e diventavano veri

Partivano dalla Svizzera per essere restaurati a Firenze con lo scopo di ottenere una certificazione che ne avvalorasse l’autenticità. Tutto questo all’insaputa dei restauratori, visto che le opere – di manifattura fiorentina e senese del XIV,XV e XVI secolo – erano completamente false.

A scoprirlo i carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale e le indagini che hanno portato al sequestro di dieci opere e alla denuncia per contraffazione di due italiani residenti all’estero.

Le opere venivano inviate in Italia da una società risiedente in Svizzera.

Una volta immesse sul mercato, le opere avrebbero potuto fruttare guadagni per 350 mila euro.

Condividi suEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

L’Arte Urbana entra al Macro

Non solo una semplice mostra ma una piattaforma culturale che getta le basi per una storicizzazione del fenomeno del Writing e della Street Art, tirando le fila del fenomeno artistico e mediatico fra i più influenti degli ultimi quarant’anni. Cross the Streets entra al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, dove sono già presenti interventi permanenti di street/urban art realizzati da Bros, Ozmo e Sten&Lex.

Il progetto nasce da alcuni concetti fondamentali della ricerca di Paulo Lucas von Vacano sulla controcultura Street e tutte le sue declinazioni. Come scrive nel catalogo “La strada osserva. La strada governa […] Scegliere la creatività a discapito della criminalità è una posizione che incentiva l’arte, la musica e lo sport. La rivoluzione avviene quando la strada entra nel museo e il museo si trasferisce nella strada. Chi sopravvive alla strada governa il mondo!”

Unica avanguardia in grado di riunire gioventù, periferie e minoranze della globalizzazione, l’arte urbana, in tutte le sue forme – dal Writing, ai Graffiti, dal Muralismo alla Street Art – ha influenzato profondamente l’immaginario collettivo: partendo da fenomeno underground di protesta giovanile questa pratica artistica è arrivata a contaminare tutti i campi, dalla moda alla musica, dal cinema alla fotografia fino alla pubblicità e, più in generale, è diventata di dominio pubblico. Lo scopo di Cross the Streets è quello di indagare, a livello globale, la potenza e la fascinazione di questa multimedialità estrapolandone le linee guida, i pionieri mondiali, i fenomeni di costume da essa generati e, a livello locale, la storia del graffitismo romano.

Info: www.museomacro.org

Condividi suEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
Condividi suEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook